Le tante missioni della Clarabella: vino, impegno e biodiversità

 

Rubrica SAPORI BRESCIANI
di Carlos Mac Adden per Corriere della Sera Brescia del 23-06-2017

La Cooperativa Sociale Agricola Clarabella offre lavoro per persone con disabilità psichica e produce ottimi Franciacorta, vini identitari in poco più di un decennio

Accade parlando della Cooperativa Sociale Agricola Clarabella di restare sospesi tra le sue componenti, prima delle quali offrire «lavoro per persone con disabilità psichica», ma il taglio di queste righe consente di affrontarne una in particolare: Clarabella produce ottimi Franciacorta, vini identitari in poco più di un decennio.
La struttura nasce nel 2002 nell’area «Ca’ de Pole» – zona delle polle, sorgenti d’acqua che scaturiscono tra i comuni di Corte Franca e d’Iseo – nel 2005 la prima vendemmia spumantizzata a partire da un vigneto di un ettaro e mezzo, nel 2009 inizia la produzione vera e propria.
Da subito, tra i primi in Franciacorta, la scelta del biologico che qui appare coerente con la realtà, prendersi cura, rispettare ciò che gli viene affidato, qui si protegge, giustamente, la biodiversità.
Ne sono compiuta espressione vini senza forzature, il 95% della superfice vitata, ora circa 12 ettari per lo più in affitto, lo è a Chardonnay, sei i cloni scelti e replicati in diversi vigneti per attingere a una tavolozza di caratteristiche, il restante 5% a Pinot Nero.
I risultati, fa da guida Alessandro Mogavero commerciale dell’azienda, si concretizzano in un Satèn dove sentori floreali di grande pulizia ed eleganza incontrano naturale morbidezza e cremosità, basso il residuo zuccherino, grande la beva, in un Pas Dosè che non è lama se non nella sua verticalità, più croccante il tessuto, più agrumato e complesso il naso, in un Brut che è splendida sintesi dei primi due.
Ad unirli la vendemmia, il 2014, l’opera di Aldo Papetti, enotecnico ma anche, come nel millesimato 180 e nel Rosè Annalisa Faifer che completano la gamma, la diretta, non artefatta, espressione del terroir che li rende felicemente riconoscibili nella loro unicità.

 

 

 

 

scarica l'articolo